-- InfoPolitica
--
Partiti
--
Le istituzioni (IT)
--
Le istituzioni (EU)
--
Sondaggi
--
Portali politici

-- gadgets
-- parliamone
-- rassegna stampa
-- i nostri amici
-- i nostri links


credits


Il 31 maggio
Aung San Suu Kyi, e' stata di nuovo posta agli arresti domiciliari dal regime militare birmano. 

I giovani di Forza Italia giudicano "gravissimo ed arrogante" l'atteggiamento tenuto dal regime militare birmano. Quella dei diritti civili in Birmania Ŕ una battaglia che conduciamo da tempo, giÓ nel dicembre 2001, infatti, come ricorderete, abbiamo dato vita ad una campagna di sensibilizzazione per la liberazione della leader birmana e per l'affermazione dei diritti civili nel paese, presentando una petizione on line che ha raccolto in pochi mesi diverse migliaia di firme. Oggi  pi¨ che mai continuiamo la nostra battaglia e chiediamo al Presidente del Consiglio Silvio Berlusconi, anche attraverso il semestre di presidenza dell'unione europea, di impegnarsi ancora una volta affianco al presidente degli Stati Uniti, George W. Bush e alle organizzazioni internazionali, per l'immediata liberazione di Aung San Suu Kyi e per l'affermazione delle libertÓ fondamentali in Birmania.


AUNG SAN SUU KYI, VAI AVANTI!


Aung San Suu Kyi, figlia del leader della liberazione della Birmania, Ŕ  una donna che ha avuto il coraggio di rinunciare alle comoditÓ della sua vita di docente a Oxford e alla vicinanza di suo marito e dei suoi figli per scegliere l'impegno politico in difesa della sua gente, utilizzando gli strumenti non violenti che Gandhi ha insegnato al mondo. In nome della sua lotta non violenta per la democrazia e i diritti umani, l'8 dicembre 1991 le Ŕ stato assegnato il premio Nobel per la pace. Il suo messaggio Ŕ semplice: solo combattendo la paura si pu˛ essere liberi. E oggi comprendiamo bene quanto sia importante.

La Birmania Ŕ un paese governato dalla paura. 
Un regime militare di 400 mila soldati nega ai cittadini i diritti fondamentali. Aung San Suu Kyi Ŕ il simbolo della lotta per la libertÓ per questo popolo. Il suo partito, la Lega Nazionale per la Democrazia, ha vinto l'82 per cento dei seggi nelle elezioni del 1990. Eppure la dittatura militare continua a imperare. Aung San Suu Kyi Ŕ agli arresti domiciliari da sei anni, senza telefono e senza la possibilitÓ di vedere i suoi familiari. Centinaia di suoi sostenitori sono in carcere, spesso sotto tortura. Molti di essi sono morti.

Gli U2 le hanno dedicato una canzone del loro ultimo album: Walk on. Per questa ragione il regime militare birmano ha messo fuori legge la loro musica. A dieci anni dal suo premio Nobel anche noi le rivolgiamo queste parole: Aung San Suu Kyi, vai avanti!

FIRMA LA PETIZIONE ONLINE !

 

Leggi la risoluzione approvata dal Parlamento Europeo

Visita il sito della campagna mondiale per Aung San Suu Kyi

 


Per conoscere a fondo Forza Italia e i suoi valori di LibertÓ.

Visita l'archivio delle nostre fotografie
Visita l'archivio delle nostre fotografie

ARCHIVIO DELLE
NOSTRE BATTAGLIE

-- Campagna per l'abolizione della leva obbligatoria

-- Campagna per la difesa dei diritti umani in Afghanistan

-- Campagna per la liberazione di Aung San Suu Kyi, in Birmania

-- Campagna in difesa di Amina Lawal, la donna nigeriana che rischia la lapidazione